Issue – un to-do del task

Cosa è una issue? È qualcosa di più piccolo, meno importante, agile di un task.
To-do, cose da ricordare, bug, note, suggerimenti, ticket, prospettive, opportunità etc. sono esempi perfetti di quello che Twproject chiama “issue”.
In Twproject le issue sono sempre legate a un progetto o un task, in questo caso un task è un collettore di issue.

“Issue” è un termine comune nel mondo dei programmatori, ma l’uso delle issue è più ampio.

Se sei abituato al bug-tracking, una issue può essere vista come una nozione più ampia di un bug.

Le issue sono una soluzione perfetta per evitare di creare strutture ad albero troppo complesse; quando un progetto ha troppi sub-sub … sub-task, puoi smettere di creare nuovi task e iniziare a aggiungere issue. Utilizzandola così la issue è un “to-do del task.”.

Le issue sono di gran lunga più semplici da gestire di un task, per cui usale tutte le volte che puoi.

Per creare una issue vai su uno dei tuoi progetti e aggiungila.

screen1237

 

Inserisci la descrizione (il task è assegnato automaticamente) e salva; piuttosto semplice, no?
Diamo uno sguardo alle informazioni principali della issue:

Descrizione: è il “corpo” della tua attività. Scrivi cosa vuoi, non ci sono limiti di lunghezza. La descrizione sarà indicizzata full-text, così sarà facile ritrovare le issue.

Task:  questa è un’informazione chiave. Ogni issue riferisce a un progetto, così il lavoro svolto, gli allarmi, i reminder, la sicurezza sono ereditati dal task.

Assegnata a: è la risorsa che ha la responsabilità di eseguire l’attività descritta.  La risorsa assegnata deve essere coinvolta anche nel progetto, quindi se selezioni una risorsa non ancora assegnata al progetto, una nuova assegnazione sarà creata automaticamente (usando i default di progetto). Una issue può “passare” da una risorsa all’altra; ogni variazione sarà registrata nella storia della issue.

Gravità: informazione chiave. La gravità impatta sull’ordine di esecuzione; issue bloccanti devono essere risolte prima di quelle critiche o di quelle con gravità bassa. La gravità è hard-coded e non può essere cambiata. Di default la gravità è usata per ordinare le issue.

Stato: informazione chiave. Lo stato è usato per gestire il flusso di risoluzione. I flussi più semplici sono aperto -> chiuso o aperto -> in pausa -> in test -> chiuso. Puoi modificare gli stati o crearne di nuovi. Gli stati possono comportarsi come “aperti” (necessitano attività) o come “chiusi” (non necessitano attività). Ogni cambiamento di stato sarà registrata nella storia della issue.

Tipo (opzionale): può essere usato per classificare le issue.

Impatto (opzionale): riflette l’impatto che la issue avrà sul progetto.

Da fare il giorno: questa è la data per cui quella issue deve essere fatta. Se la issue ha una stima di lavoro, dal punto di vista del carico operatore, dovrebbe essere fatta in quella data.

Durata stimata: è una stima in ore del lavoro necessario per chiudere la issue. Normalmente una issue dovrebbe essere piccola a sufficienza da essere risolta un giorno lavorativo, ma questo non è assolutamente obbligatorio.

Tag: le issue possono essere taggate. I tag sono definiti al volo e possono essere riusati una volta definiti.

File: puoi allegare quanti file vuoi su ogni issue. Trascina i tuoi file sulla riga della issue.screen1240

Commenti: le issue possono essere commentate.

screen1242

screen1241

Clicca sulla riga della issue per editarla:screen1239

Puoi editare più linee multiple insieme e salvarle in solo “click; ctrl+enter” salverà la riga corrente.

Sia la descrizione della issei che le note supportano link cliccabili e gli smar link di Twproject.

La lista delle issue è ordinabile con il drag&drop, ma considera la “gravità”….

Se devi inserire diverse issue per lo stesso progetto e lo stesso assegnatario valuta se usare il pulsante “copia”, per velocizzare l’inserimento.

Puoi registrare il lavoro fatto su ogni issue su cui sei assegnato (o sulle issue relative a progetti su cui sei assegnato); il lavoro registrato sarà sempre raccolto sul task relativo e sarà “linkato” alla issue di origine.

Le issue sono estremamente flessibili, e possono essere usati per scopi diversi; per accedere allo spettro completo delle funzionalità apri l’editor completo usando l’icona “penna”:

screen1246

Sulle issue possono essere creati fino a 6 campi personalizzati.

A volte quello che è stato inserito come piccola issue genera un nuovo progetto.
Per esempio uno dei tuoi clienti richiede una nuova feature su un prodotto esistente, e dopo l’analisi scopri che questo richiede svariati giorni di lavoro con svariate risorse coinvolte. In questo caso puoi promuovere la issue a task. La issue originale sarà chiusa e un nuovo task (figlio del task corrente) sarà creato.

Un altro aspetto delle issue che ne aumenta l’usabilità è legato alla sicurezza. I permessi richiesti per inserire una issue sono diversi dai permessi sul task, quindi per esempio puoi creare profili con permessi di sola lettura sul task e permessi di creazione sulle issues: noi chiamiamo questo set di permessi “customer”  e creiamo un ruolo ad-hoc. Assegnare clienti con questo ruolo consente loro di inserire issue direttamente allo sviluppatore; questo facilita inoltre la creazione di un “backlog” tche è molto comune nelle metologie agili.

Riprogrammare le issue

screen1253

Un intelligente team leader Scrum che sta usando Twproject ha osservato quanto segue: supponi di essere uno sviluppatore e di essere assegnato su un gruppo di issue, su cui fai sviluppo e registri il tempo speso. Hai fatto con il team la valutazione iniziale del tempo di sviluppo necessario, e supponi per una certa issue di aver deciso di mettere 10 ore.

Hai registrato il tempo trascorso ma, come succede nella vita reale, devi riprogrammare alcune issue. Ora gli utenti sottolineano che è piuttosto complicato ragionare in base alla durata stimata, perché quello su cui siamo davvero focalizzati è il tempo rimanente per chiudere la issue.

screen1254Quindi, ecco la modifica: cliccando sul worklog fatto, appare un pannello del tempo rimasto, ed è modificabile proprio qui.

Questa piccola e pratica modifica può fare la differenza; pensa a quando hai pianificato 34 ore, e ne hai fatte 27:30, quante ore mancano, saranno sufficienti… Non voglio lavorare su questo adesso: fammi riprogrammare la issue.

Se vuoi linkare direttamente una issue via URL, usa:
http://[your root]/issue/X 
dove X è l'ID della issue.

Le issue sono una soluzione perfetta per l’approccio Agile alla gestione progetti e per pianificare il lavoro. Vedi come nelle sezioni seguenti.