L’economia Gig nella gestione dei progetti

pm e la gig economy

Si parla tanto di economia gig, ma cosa è in realtà e quanto il project management può esserne coinvolto?

Il panorama del lavoro e del mercato commerciale è decisamente cambiato negli ultimi decenni.

Viviamo in un’epoca in cui l’economia premia le aziende che interrompono ed innovano i vecchi modi di creare nuovi modelli che guidano al successo finanziario.

Una delle maggiori tendenze in questa nuova cultura è appunto quella che viene chiamata “economia gig”.

L’economia gig è stata creata da organizzazioni che hanno scelto di assumere appaltatori o liberi professionisti per determinate posizioni anziché lavoratori a tempo pieno.

In teoria, adottando questo metodo, le organizzazioni risparmiano e si presume che i lavoratori abbiano la libertà di impostare i propri programmi lavorativi e persino di lavorare da casa, da dove si collegano tramite software o e-mail.

I progetti per definizione sono limitati nel tempo e rappresentano quindi l’ambiente perfetto per chi cerca di trarre vantaggio dall’economia gig.

L’ascesa dell’economia gig

L’economia gig è davvero decollata dopo la significativa recessione economica del 2008-2009, quando le aziende sono state costrette a licenziare in massa e i lavoratori disoccupati hanno iniziato a lavorare temporaneamente per sostenere i loro redditi.

L’ascesa di questo tipo di lavoro “temporaneo” e autonomo divenne nota come “economia gig”, prendendo in prestito il termine usato dai musicisti – gig – che denota il loro spettacolo a pagamento in un bar o in un club.

Questa tendenza è nata durante una situazione negativa caratterizzata da un’instabilità finanziaria, ma la crescita è continuata anche dopo che l’economia si è stabilizzata.

Il “gigging” – attraverso un contratto prestabilito o una consulenza – tende a offrire una retribuzione oraria più elevata per compensare la mancanza di benefici, come ad esempio il TFR, l’assicurazione sanitaria, ecc.

La flessibilità è attraente per coloro che desiderano un maggiore controllo sui propri programmi di lavoro o che cercano interruzioni tra i contratti.

Vi è anche una crescente opportunità di lavorare in diverse aziende e settori diversi, o di iniziare come collaboratore esterno per poi convertirsi in un lavoratore permanente a tempo pieno una volta stabilita la compatibilità tra dipendente e datore di lavoro.

Oggi l’economia dei concerti è persino più forte di quanto si potesse prevedere.
la gig economy

Il project management durante l’economia Gig

Il “gigging” sta diventando sempre più comune e può essere trovato praticamente in tutti i settori.

Poiché questi contratti sono di solito a breve termine, c’è meno pressione di un impegno e un maggiore senso di libertà.

L’economia gig mette il potere nelle mani della persona che presta il proprio servizio, piuttosto che la persona o organizzazione che lo richiede.

 Com’era il project management prima dell’economia gig

Tradizionalmente, la gestione del progetto ruota attorno all’idea di uno sforzo temporaneo fatto nell’ambito più ampio degli obiettivi generici di un’organizzazione.

Guidato da un project manager, il progetto – prima dell’economia gig – veniva realizzato da un team di dipendenti diretti dell’organizzazione, solitamente composto da persone con diverse competenze e aree di conoscenza, provenienti da diversi dipartimenti.

Sulla base di ciò che veniva pianificato per il progetto, questo team di progetto stimava e affrontava il lavoro mentre il project manager coordinava tempistiche, ambito, requisiti e costi.

Il project manager monitorava i progressi e aiutava il team a passare alla fase di chiusura nella maniera più fluida possibile.

Al termine del progetto, il team insieme al project manager rifletteva su ciò che era stato realizzato, su ciò che potrebbe essere migliorato, e su eventuali vincoli riscontrati durante il ciclo di vita del progetto.

Alla fine del progetto, il team veniva sciolto e tutti i membri erano di nuovo disponibili per essere inseriti in un nuovo progetto.

Com’è il project management durante l’economia gig

Uno dei cambiamenti più ovvi del project management durante l’economia gig è la composizione del team di progetto. Non si attinge più da un pool di dipendenti a lungo termine all’interno dell’organizzazione, ma con ogni probabilità si va a lavorare a breve termine con persone esterne specializzate.

Nell’economia gig, può essere difficile costruire un senso di rapporto e di coesione nel team, ma curando le interazioni tra i membri e incoraggiando la comunicazione, è possibile promuovere un ambiente di lavoro onesto, trasparente ed efficiente.

Il project manager deve avere visibilità su tutto ciò che fa il team.

  • Quanto tempo possono lavorare i membri del team e quando sono reperibili?
  • Quali dipendenze ci sono tra le attività?
  • L’attuale linea temporale è un indicatore ragionevole dei progressi previsti?

Questi – ed altri – concetti della gestione tradizionale del progetto sono ancora validi e, probabilmente, diventa ancora più cruciale avere accesso e monitorare questi dati nell’economia gig.

I vantaggi dell’economia GIG per le Aziende

Ci sono molti benefici per i datori di lavoro quando assumono lavoratori autonomi, tra cui:

  • Risparmio di denaro. Con i lavoratori temporanei, le organizzazioni non devono più preoccuparsi di spese come la disoccupazione, le indennità e la retribuzione dei lavoratori. Ciò consente alle aziende di risparmiare molti soldi che possono contribuire alla loro crescita economica.
  • Creare una forza lavoro più coinvolta. Con l’economia gig, i ruoli tradizionali tra dipendente e datore di lavoro vengono trasformati. I lavoratori che hanno la libertà di scegliere quando e su cosa vogliono lavorare, attraverso il lavoro basato su progetti, tendono ad essere più felici e più accomodanti e, alla fine, lavorano meglio.
  • Evitare assunzioni sbagliate. Le organizzazioni possono ora riempire spazi aperti con liberi professionisti o appaltatori indipendenti. Ciò offre ai manager l’opportunità di separarsi senza ripercussioni fiscali se il collaboratore esterno non soddisfa le aspettative.

Man mano che i tempi cambiano, è ovvio che metodologie e processi dovrebbero evolversi per stare al passo con il cambiamento.

L’economia gig ha rivoluzionato il modo di lavorare, ma questo passaggio al lavoro contrattuale a breve termine non deve portarci a pensare che non esista una gestione adeguata.

L’economia gig ha infatti un modello chiaro che necessita di flussi di lavoro altrettanto chiari, progettati e gestiti per soddisfare le sue esigenze e complessità.

Aumenta la produttività della tua azienda con Twproject

Una prova è meglio di mille parole.

Related Posts