Il metodo del diagramma di precedenza delle attività di progetto

diagramma di precedenza delle attivita

Il metodo del diagramma di precedenza nelle attività di progetto è una tecnica di rappresentazione grafica che mostra le interdipendenze delle attività e viene utilizzato nello sviluppo della pianificazione di un progetto.

Con molte responsabilità complesse coinvolte nella gestione di un progetto, il project management è diventato ancora più impegnativo e l’utilizzo di strumenti di assistenza diventa quindi sempre più importante.

Il metodo del diagramma di precedenza è un importante strumento di comunicazione per le parti interessate.

Vediamolo più nel dettaglio in questo articolo.

Cos’è il metodo del diagramma di precedenza (PDM)?

Il Metodo del diagramma di precedenza, chiamato anche PDM (Precedence Diagramming Method), è una strategia visuale per lo sviluppo di un diagramma di rete della pianificazione del progetto che utilizza dei rettangoli, chiamati anche nodi, per rappresentare le attività. Per questo motivo è anche chiamato Activity on Node (AON).

Questo metodo rappresenta graficamente qualsiasi attività di pianificazione riconosciuta e preesistente attraverso l’utilizzo di nodi collegati fra loro.

Il vantaggio più significativo dell’utilizzo del metodo del diagramma di precedenza è che consente rapidamente al team di progetto di comprendere tutte le attività programmate e quelle affiliate.

Utilizzano il metodo del diagramma di precedenza, è possibile:

  • Presentare visivamente il corso del progetto come diagramma di precedenza
  • Stimare se si è nei tempi previsti
  • Riconoscere rapidamente le dipendenze tra le attività e l’effetto di eventuali modifiche
  • Identificare processi e attività critici e presentarli come un percorso critico.

Un diagramma di precedenza può presentare un intero progetto, ma è anche possibile creare uno schema parziale che mostri solo una parte del progetto.

Non tutti gli stakeholder, infatti, sono interessati ad avere la presentazione generale e dettagliata.

Come costruire il metodo del diagramma di precedenza (PDM)?

Per costruire il metodo PDM del diagramma di precedenza, la fase preliminare della pianificazione consiste nel lavorare sulla struttura di scomposizione del lavoro.

L’intero progetto diventa più comodo e gestibile quando si suddividono le attività in compiti più piccoli.

Di seguito sono riportati alcuni passaggi per la creazione di un diagramma di precedenza:

  • Assicurarsi di avere una pagina bianca o una lavagna per disegnare il piano
  • Scrivere il ​​risultato finale della struttura di suddivisione del lavoro sul lato destro della pagina
  • Riportare ciascuna attività dalla struttura di ripartizione e disporle nell’ordine in cui devono accadere.
  • Lavorare da sinistra finché non si hanno le dipendenze tra le attività e si ottenga una sequenza di funzioni che vanno da sinistra a destra.
  • Assicurarsi che non ci siano attività isolate senza nessuna connessione.

Man mano che il progetto procede, potrebbero nascere ​​ulteriori attività che devono essere eseguite; queste potranno essere incorporate nel diagramma e nella struttura di suddivisione del lavoro.

diagramma di precedenza

Tipi di relazioni nel metodo del diagramma di precedenza

Con il metodo del diagramma di precedenza, vengono utilizzati quattro tipi di relazioni nelle attività. Queste sono:

  • Fine-inizio (FS): è il tipo di relazione più comune utilizzato tra le attività. L’attività non può iniziare prima del completamento di un’attività precedente. Ad esempio, per dipingere un muro bisogna prima costruirlo, quindi la prima attività è la costruzione del muro e la seconda attività è la pittura.
  • Inizio-fine (SF): è la relazione meno utilizzata in un diagramma di precedenza. In questo caso, l’attività B può terminare solo dopo l’inizio dell’attività A. Ad esempio, la tua vecchia casa verrà demolita per costruirne una nuova. In questo caso, non puoi trasferirti nella tua nuova casa finché questa non è pronta. Quindi, la seconda attività (costruzione della nuova casa) deve essere terminata prima che inizi la prima attività (trasferirsi in una nuova casa).
  • Inizio-inizio (SS): è un tipo di relazione che mostra che l’attività successiva non può essere avviata fino a quando non inizia la prima. Entrambe le attività dovrebbero iniziare quindi contemporaneamente. Ad esempio, è necessario applicare un rivestimento su un muro, ma il muro deve essere pulito per poterlo applicare. Pertanto, una squadra pulirà il muro, mentre la seconda lo rivestirà. Entrambe le attività possono iniziare contemporaneamente.
  • Fine-fine (FF): in questo caso non è possibile completare l’attività successiva finché la prima non è terminata. Ad esempio, in un progetto IT, durante i test, verranno rilevati bug relativi al software sviluppato. Questi bug verranno corretti dagli sviluppatori e successivamente il team di test dovrà ricontrollare che il bug sia effettivamente risolto. Pertanto, le attività di test e correzione dei bug sono un esempio di questo tipo di relazione.

Tipi di dipendenze nel metodo del diagramma di precedenza

Per definire le sequenze di attività si utilizzano quattro tipi di dipendenze:

  • Dipendenze obbligatorie: questa dipendenza è nota anche come “hard logic” e non è possibile evitarla perché l’inizio dell’attività successiva dipende da questo tipo di connessione. Ad esempio, non è possibile installare il soffitto finché non si costruiscono tutti i muri di una casa.
  • Dipendenze discrezionali: questa dipendenza è anche nota come logica preferenziale o “soft logic” e svolge un ruolo nell’ottimizzazione delle risorse. Ad esempio, è possibile costruire i quattro muri di una casa in qualsiasi sequenza. Tuttavia, se costruirli in una certa sequenza è utile, allora verranno costruiti esattamente in quell’ordine. Le dipendenze discrezionali sono controllate dal team di progetto e possono essere modificate per abbreviare il progetto. In questa tecnica, le attività rimangono le stesse, ma l’ordine cambia.
  • Dipendenze esterne: queste provengono, ovviamente, dall’esterno del progetto ed il team non ha alcun controllo su di loro. Ad esempio, potrebbe essere necessaria l’approvazione del governo prima di iniziare l’attività di progetto successiva.
  • Dipendenze interne: queste rientrano nel controllo del progetto o dell’organizzazione. Ad esempio, non è possibile ottenere una risorsa finché non si libera da un altro progetto.

Vantaggi del metodo del diagramma di precedenza

L’utilizzo del metodo del diagramma di precedenza offre molti vantaggi alla gestione del progetto, fra cui:

  • Aiuta a trovare relazioni e dipendenze tra le attività. Questo aiuta a sua volta a pianificare ed evitare i rischi.
  • Aiuta a trovare attività critiche e concentrarsi su di esse. Qualsiasi ritardo nelle attività critiche ritarderà l’intero programma.
  • È un buon strumento di comunicazione, in quanto gli stakeholder di progetto possono visualizzare le attività e comprendere il programma.
  • Senza il diagramma di precedenza, non è possibile sviluppare la pianificazione del progetto.

Inizia adesso con il nosto aiuto

Lo sforzo richiesto per creare un diagramma di precedenza è relativamente alto, soprattutto perché la conoscenza dei pacchetti di lavoro e del percorso critico è necessaria, ecco perchè, farsi aiutare da un software di gestione progetti può essere la scelta giusta.

Il potere predittivo del diagramma di precedenza dipende dalla qualità delle stime di sforzo e durata delle attività, ecco perché un software come Twproject, che oltre ad aiutarti nel disegno mantiene anche tutto lo storico del progetto, può essere di grande aiuto per rimparare dalla propria esperienza.

Disegna il tuo diagramma, assegna il tuo team nelle fasi corrette e con le stime corrette. Aiutali a gestire il lavoro con to do list prioritizzate, e traccia i progressi mantenendo tutto sotto controllo, imparando dalla tua esperienza!

Pianifica i tuoi progetti con Twproject

Una prova è meglio di mille parole.

Related Posts