Quale futuro per il Project management? I nuovi report e le tecnologie dirompenti

tecnologie dirompenti

3 Report per analizzare in dettaglio il futuro del Project Management. Sono i 3 report che il Project Management Institute ha appena rilasciato sull’evoluzione del Project Management e l’incontro con le tecnologie “dirompenti”.

Questi report sono stati presentati durante il settimo PMO Symposium a Washington CS, dove più di 650 dirigenti di project management si sono riuniti per capire il futuro del ruolo e del settore.

Il focus è stato incentrato sulle tecnologie dirompenti e su come le soluzioni cloud, Internet of Things (IoT) e Intelligenza artificiale (AI) abbiano cambiato il modo di fare business nelle organizzazioni e trasformato industrie intere.

Abbiamo, pertanto, deciso di approfondire questi argomenti, dedicando questo e prossimi articoli ai singoli report di PMI, per costruire assieme un pensiero su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.

Report 1: Forgiare il futuro: evolvere con la tecnologia dirompente

Il Report, nato dalla collaborazione tra Accenture e PMI, è molto interessante poiché guarda alla creazione di una cultura dell’innovazione attraverso l’adozione di interruzioni.

Il rapporto esamina come i rapidi progressi della tecnologia digitale stiano ridefinendo radicalmente il nostro mondo.

Attraverso l’adozione di queste tecnologie emergenti e di nuovi modi di lavorare, il PMO continuerà ad evolversi come collaboratore strategico che guida la consegna e l’esecuzione della strategia.

Le tecnologie dirompenti sono la nuova realtà per ogni organizzazione in ogni settore.

L’intelligenza artificiale, il cloud, la digitalizzazione, la blockchain, offrono tutte possibilità infinite alle organizzazioni di trasformare se stesse e le loro relative industrie.

Purtroppo, però, se è vero che per le organizzazioni può essere facile immaginare come funzioneranno queste nuove tecnologie e strategie, esiste ancora un divario enorme per la loro attuazione in pratica.

Per costruire il loro futuro, le organizzazioni devono essere disposte a interrompere attivamente lo status quo, afferma il rapporto.

Spesso, infatti, c’è un dislivello molto sentito tra lo sviluppo della strategia e la sua implementazione nel quotidiano.

Ecco quindi che l’ufficio di gestione del progetto (PMO) ed i project manager possono colmare questa lacuna, ma solo se sono pronti ad evolversi in primis.

Ecco alcune azioni che possono aiutare in questo senso:

  1. Coltivare una cultura di leadership collaborativa che abbracci il cambiamento e guidi l’innovazione
  2. Riorganizzare e riqualificare i project manager per incorporare le nuove competenze
  3. Evolvere i metodi di consegna tradizionali per includere indicatori di prestazioni chiave che valutino i progressi dell’organizzazione nel raggiungimento degli obiettivi strategici

Tecnologie dirompenti: minaccia o opportunità?

le tecnologie dirompenti

Le nuove tecnologie che emergono ogni giorno cambiano radicalmente il modo in cui lavoriamo e viviamo.

Sfruttare il loro potenziale richiede molto più di un focus tecnologico. Le organizzazioni devono affrontare la più ampia strategia aziendale, i loro modi di lavorare e cambiare di conseguenza la gestione.

Inoltre, devono essere disposte ad evolversi e investire nell’acquisizione di nuove competenze.

Le organizzazioni che già riconoscono la potenza di queste tecnologie per incrementare la crescita dei ricavi, la redditività e l’innovazione, iniziano a creare sistemi di evoluzione interessanti.

Il Report evidenzia come, le organizzazioni innovatrici, quelle cioè che sfruttano tecnologie dirompenti per ottenere un vantaggio competitivo, in genere:

  • Hanno una strategia di trasformazione digitale matura
  • Si impegnano per effettuare cambiamenti a livello di organizzazione
  • Sperimentano nuovi modi di lavorare
  • Hanno fatto dell’adozione di tecnologie dirompenti un’alta priorità

La maggior parte delle organizzazioni ha subito una trasformazione significativa negli ultimi anni utilizzando appunto le tecnologie dirompenti, ma solamente circa un quarto di questi progetti di trasformazione ha prodotto benefici tangibili.

Cosa impedisce quindi alle organizzazioni di ottenere i vantaggi delle tecnologie dirompenti e della trasformazione digitale?

I principali ostacoli includono:

Selezione delle aree giuste per l’investimento

I dirigenti devono prima stabilire quale parte della propria attività trarrebbe il massimo vantaggio dalle nuove tecnologie, sia che si tratti di aumento della redditività, di un migliore servizio clienti o della riduzione dei costi. La scelta sbagliata infatti, non solo costa denaro, ma ostacola il business.

Scegliere la tecnologia giusta e integrarla con armonia

Una volta stabilite le priorità di investimento tecnologico, la sfida successiva è selezionare gli strumenti giusti. A causa delle risorse limitate, le aziende devono scegliere con saggezza la nuova tecnologia che dovrebbero utilizzare e quindi devono capire come integrarla in sistemi esistenti senza interrompere il business.

Mancanza di fondi

l costo del passaggio a nuove tecnologie può ancora essere proibitivo. Inoltre, le organizzazioni si ritrovano spesso a spendere in modo significativo per formare i propri lavoratori sui nuovi modi di lavorare e sulla gestione del cambiamento.

Resistenza dei dipendenti al cambiamento

Si tratta di un fattore chiave per qualsiasi programma di trasformazione e che determina la sua reale possibilità di successo – o no. Molti dipendenti considerano la nuova tecnologia una minaccia per il proprio lavoro e resistono al cambiamento. L’organizzazione, nel contempo, non è in grado di dare loro una visione chiara o una comprensione dell’importanza del cambiamento.

Lacune tra strategia ed esecuzione

Mentre gli alti dirigenti sono in prima linea nella definizione della strategia per sfruttare le tecnologie dirompenti, i loro obiettivi strategici non sempre vengono tradotti in azioni a livello di progetto.

Questi obiettivi generali – dall’alto verso il basso – devono essere convertiti in risultati tangibili e misurabili. Le lacune nel comunicare la visione e l’intento della leadership e la mancanza di supporto da parte del middle management possono ostacolare i piani.

I project manager hanno quindi la responsabilità di diventare agenti del cambiamento e della trasformazione organizzativa. È un cambiamento necessario.

Il project manager della prossima generazione dovrebbe essere una versione di se stesso pronta al cambiamento e lungimirante. Non dovrà avere paura di sperimentare e abbracciare nuovi modi di lavorare e dovrà essere pronto ad aiutare i membri del team ad adottare questi cambiamenti.

Un’organizzazione potrebbe impiegare anni per completare la sua trasformazione digitale. Durante questo percorso, il project manager deve quindi avere la possibilità di contribuire a creare e coltivare una cultura di innovazione, agilità e pensiero critico, rafforzata con i giusti strumenti e opportunità educative.

Gli step fondamentali per il cambiamento

Le organizzazioni dovranno affrontare il cambiamento attuando le seguenti pratiche:

Potenziare il project manager e/o il PMO

Il project manager ed il PMO devono potersi concentrare sugli obiettivi strategici dell’organizzazione. Strategia e i risultati devono essere allineati in ogni momento. Per fare ciò, un project manager deve avere l’autorità per poter cambiare rotta se il progetto non sta raggiungendo l’intento strategico.

Evolvere nelle metriche di consegna tradizionali

Ciò significa, includere KPI che valutano i progressi dell’organizzazione nel raggiungimento degli obiettivi strategici.

I project manager ed il PMO non dovranno quindi basarsi solo sull’utilizzo di metriche di consegna tradizionali.

Questi nuovi KPI valutano i progressi dell’organizzazione nel raggiungimento dei suoi obiettivi strategici. I project manager si occuperanno di assicurare che i KPI a livello di organizzazione si riflettano nei risultati di business e nei KPI a livello di progetto.

Riorganizzare e riqualificare i project manager

Alla luce delle nuove tecnologie, i project manager devono abbracciare l’intero spettro di competenze che consentono loro di fornire progetti e programmi con successo. Per questo motivo devono essere formati su tutti i nuovi strumenti e conoscenze richieste.

 

In conclusione, possiamo dire che questi cambiamenti e le tecnologie dirompenti prefigurano importanti imperativi per le organizzazioni e, a loro volta, per la forza lavoro.

Pertanto, un solido programma di gestione delle modifiche organizzative è una priorità assoluta per aiutare le organizzazioni a permanere nel mercato con maggiore successo e prevedibilità.
I project manager, insieme al PMO, hanno un ruolo cruciale come agenti di cambiamento.

Qui il link per scaricare la versione integrale in PDF.

 

 

Leggi di più sui bootcamps di Twproject.

Una prova è meglio di mille parole.

Related Posts

I commenti sono chiusi.