Diagramma SIPOC: cos’è e come utilizzarlo per definire lo scopo di un progetto

il diagramma sipoc

Il diagramma SIPOC sai bene che è uno degli strumenti più comunemente usati se lavori nell’area del miglioramento dei processi.

Questo diagramma è, infatti, uno strumento semplice che fornisce una panoramica di alto livello di un processo o prodotto utilizzando una forma visiva che può aiutare il team in vari modi.

Sia che si cerchi di capire meglio un processo corrente nel suo stato o sia che si stia tentando di definire un nuovo prodotto o processo, l’utilizzo di un diagramma SIPOC risulta uno strumento semplice ed efficace, per un aspetto fondamentale.

Il vero valore di un diagramma SIPOC è nel rapporto tra il tempo e le informazioni di restituzione.

Completare il diagramma richiede, infatti, un tempo molto breve – mediamente da 30 minuti a un’ora-  e, una volta terminato, fornisce un’enorme quantità di informazioni. Ma soprattutto, dà un’indicazione dell’ambito del progetto o processo a cui si sta lavorando.

A proposito… L’acronimo SIPOC sta per:

  • Suppliers – fornitori
  • Inputs
  • Process – processo
  • Outputs
  • Customers – clienti

Gli elementi chiave di un diagramma SIPOC

È importante capire che tutte le attività dell’azienda costituiscono un processo. Per processo si intende prendere uno o più input dai fornitori e creare output, indipendentemente dal fatto che si tratti di un servizio o di un prodotto.

La visualizzazione grafica di un diagramma SIPOC, semplifica immensamente la comprensione di questi processi aziendali, identificando le componenti chiave, appunto fornitori, input, processo, output e clienti.

Nello specifico:

  • Il fornitore è chiunque fornisca un input nel processo.
  • Gli input sono le risorse necessarie per eseguire il processo.
  • Il processo indica le azioni effettive necessarie per trasformare gli input negli output desiderati.
  • L’output è il prodotto o servizio effettivo che il cliente riceve.
  • Il cliente è chi riceve l’output del processo.

diagramma sipoc

Quando usare il diagramma SIPOC?

Vediamo ora quando è consigliabile usare il diagramma SIPOC.

Questo strumento è utile per focalizzare una discussione e aiutare i membri del team a concordare un linguaggio comune e la comprensione di un processo per il miglioramento continuo.

Si dovrebbe usare questo diagramma quando è in corso la gestione del processo o un’attività di miglioramento poiché è importante ottenere in primis una comprensione di alto livello dell’ambito del processo.

Il diagramma SIPOC è particolarmente utile quando non è chiaro quanto segue:

  • Chi fornisce input al processo?
  • Quali specifiche sono poste sugli input?
  • Chi sono i veri clienti del processo?
  • Quali sono i requisiti dei clienti?

 Come generare un diagramma SIPOC efficace

Per generare un diagramma SIPOC efficace, è necessaria una sessione di brainstorming.

Durante una sessione di brainstorming, si può richiedere ai partecipanti di compilare il diagramma SIPOC, iniziando dalla colonna centrale, quella relativa al processo.

La colonna del processo funziona in modo semplice: idealmente, non elenca più di cinque passaggi e ognuno di questi è costituito da un’azione e da un soggetto.

Una volta che il gruppo concorda su come viene effettuato il processo, si passa all’elenco dei risultati e dei clienti del processo.

Quindi si lavora “all’indietro” rispetto al centro del diagramma per identificare input e fornitori.

Poiché i diagrammi SIPOC vengono spesso affrontati in questo modo, a volte vengono definiti  diagrammi POCIS, appunto in base all’ordine in cui i vari punti vengono analizzati.

Ma come mai si lavora al diagramma in questo modo?

Il diagramma SIPOC è una panoramica a livello avanzato del processo esistente e in regime stazionario.

Il diagramma POCIS invece, è una panoramica di livello avanzato di un processo ottimizzato.

Viene spesso utilizzato in progetti per guardare, e possibilmente razionalizzare, un processo aziendale dal punto di vista del cliente.

Questo approccio è solitamente limitato all’ambito di un singolo progetto e, in genere, anche ad un singolo processo.

I passaggi per creare il diagramma SIPOC

  1. Il primo passo è stabilire un nome o un titolo per il processo
  2. Il secondo passo è definire il punto iniziale e il punto finale del processo da migliorare.
  3. Il terzo passaggio consiste nello stabilire le fasi di livello superiore del processo. E’ consigliabile mantenere l’elenco tra i quattro e gli otto passaggi principali.
  4. Il quarto passo è elencare gli output chiave del processo. Di solito, questo elenco include fino a tre o quattro uscite principali anche se il processo può produrne di più.
  5. Il quinto passaggio consiste nel definire chi riceve tali risultati o output, ovvero i clienti. Questi clienti possono essere interni o esterni all’organizzazione.
  6. Il sesto passo è elencare gli input da elaborare.
  7. Nel settimo passaggio si definisce chi fornisce gli input al processo.

 

Per chiarire l’utilizzo del diagramma di SICOP, prendiamo un esempio semplice, oltre i normali processi aziendali e di facile approccio: la creazione di un frullato 😊

La creazione pratica di un Diagramma SIPOC

Per iniziare, si crea una tabella con cinque colonne che corrispondono alle cinque parole che compongono l’acronimo SIPOC, così come visualizzato nella tabella precedente.

Innanzitutto, abbiamo il fornitore che ha il compito di creare un frullato per un cliente. Per fare ciò si deve avere a disposizione un preparatore di frullati, un proprietario del negozio dove lavora quella persona, un responsabile della cucina e un addetto agli ordini.

Ciò porta agli input, cioè prima la richiesta o l’ordine del frullato, dopodiché c’è la ricetta per farlo, la ricevuta per attestare legalmente la vendita, il bancone per interagire con il cliente e, naturalmente, qualsiasi ingrediente sia necessario per creare il frullato.

Ora arriviamo alla parte dedicata al processo: si inizia ricevendo e preparando l’ordine e gli ingredienti, che devono essere puliti, tagliati e ordinati. Quindi si mescolano gli ingredienti come richiesto dalla ricetta.

L’output di questo processo è l’acquisto completato e – ci auguriamo-  un delizioso frullato e un cliente felice.

Il che infine ci porta al cliente che è entrato nel negozio con una necessità: in questo caso la fame. Ma clienti sono anche l’addetto ai frullati e persino il proprietario del negozio, che diventa cliente quando acquista gli ingredienti.

 

Come si può vedere nell’esempio, tutti gli elementi del diagramma SIPOC –  fornitori, input, processi, output e clienti – sono stati considerati ad un livello molto alto.

Questo è lo scopo finale di un diagramma SIPOC che può essere applicato in qualsiasi settore e a qualsiasi processo.

Vuoi saperne di più sull’app Twproject?

Una prova è meglio di mille parole.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *